Bob Dylan. Un artista che pensa alla qualità e non alla quantità

Bob Dylan. Un artista che pensa alla qualità e non alla quantità

Pierluigi Battista, pezzo da novanta del Corriere della Sera, fa della pesante ironia su Bob Dylan e sulla sua decisione di consentire all’editore Simon & Schuster di pubblicare una edizione limitata a 100 copie certificate e firmate del suo discorso di accettazione del premio Nobel a Stoccolma.

Così scrivendo, PG Battista dimostra di non essere un bibliofilo all’altezza di un Mughini, perché se lo fosse, capirebbe la bellezza d’un atto di pura creatività artistica qual è quello autorizzato da Dylan.

 

Nel suo articolo, uscito il 2 novembre sul Corriere, il PG nazionale parla del “senso di Bob Dylan per gli affari.

 

Sì, proprio lui il menestrello armato soltanto di una chitarra e di un’armonica, il cantautore dell’altra America che ha aperto un’era di libertà e di critica alle meschinità segnate dal culto del denaro e del potere, proprio lui, Bob Dylan, si sta dimostrando attraverso il Nobel per la letteratura che gli è stato conferito l’anno scorso un attentissimo amministratore dei suoi beni materiali, beato lui.”

Il prezzo di tale emissione limitata è elevato, 2500 dollari americani per 23 pagine, copertina rigida e cofanetto, ma trattandosi di tal personaggio è evidente che sul mercato bibliografico quest’opera schizzerà molto più in alto subito dopo la sua emissione.

 

I letterati tradizionali e i giornalisti, evidentemente, ce l’hanno ancora su con Dylan per i suoi tira e molla prima di accettare il premio e poi per il fatto che non ha voluto presenziare alla cerimonia ufficiale.

Bob Dylan

Per quanto riguarda tale suo comportamento possiamo dire che è stato, forse, poco elegante ma noi non conosciamo i motivi nascosti che l’hanno spinto ad agire così, pur presumendo che avrà avuto le sue buone ragioni.

 

Dunque, rispettiamo le sue ragioni e il suo voler mandare la sua amica, Patty Smith, a ritirarlo e a declamare le sue parole, emozionatissima al punto di bloccarsi nel bel mezzo del suo “A Hard Rain is Gonna Fall” e dover ripartire da capo.

 

Il leitmotiv di questo suo discorso è il rapporto esistente fra la musica e parole, poi cita i libri che più l’hanno impressionato durante la sua adolescenza: Moby Dick, l’Odissea e Tutto tranquillo sul Fronte Occidentale di E. M. Remarque, che fu bruciato nelle piazze tedesche al tempo del Nazismo.

 

Dicono che questa è la prima volta che il Nobel viene assegnato a un cantante, mentre in realtà Dylan è un menestrello e un cantastorie, come lo fu Omero. Lo merita Omero il premio Nobel?

 

Inoltre, molti ignorano che Dylan fu anche un autore e non solo un cantante – tralasciando le raccolte delle sue canzoni – egli pubblicò il suo primo libro di prose poetiche nel 1966, quando ancora viveva a Greenwich Village.

 

S’intitolava Tarantula e ne furono stampate poche copie da un piccolo editore alternativo, ma ebbe uno straordinario successo perché fu subito piratato.

 

Quanto costa un’edizione di Tarantula oggi?

 

È introvabile ma ho visto una copia della prima edizione pirata in vendita a 10.000 dollari.

Il suo secondo libro uscì nel 2004 con Simon & Shuster e s’intitolava Oneis. Questa è la prima parte delle tre previste contenenti le sue memorie. I suoi affezionati lettori sono ancora in attesa dell’uscita della seconda e della terza parte.

 

Ultima precisazione. PG Battista ha dimenticato di scrivere che un’edizione normale del suo discorso d’accettazione del Nobel è stato messo in vendita contemporaneamente all’edizione limita, il 31 ottobre 2017, lo potrete ricevere pagando 16.99 dollari al volume, più le spese postali.

 

Angelo Paratico

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati da *
Puoi utilizzare questi HTML tag e attributi:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.